venerdì 25 settembre 2015

Il Clima e l'Ambiente, di Alfio Giuffrida


Premessa



In qualsiasi nazione del mondo, l’argomento di cui si parla più diffusamente è il tempo: sia per chiedere se oggi è bello o brutto e come sarà domani, sia con la solita domanda della mamma al figlio lontano: com’è da te il tempo, fa freddo?

In questo breve saggio vedremo anzitutto che cosa si intende per climatologia, come è nata questa scienza che, al giorno d’oggi, è sulla bocca di tutti. Daremo una spiegazione degli eventi meteorologici che hanno lasciato il segno nell’ambiente terrestre, come il Diluvio Universale o gli sconvolgimenti che hanno determinato la scomparsa dei dinosauri. Parleremo delle ere geologiche, delle glaciazioni e dei periodi caldi interglaciali.

Vedremo poi che alla fine del medio Evo la gente si copriva di più rispetto ai giorni nostri, non solo per i costumi più severi, ma anche perché ...faceva più freddo. Analizzeremo un po’ più in dettaglio le variazioni climatiche che si sono verificate più recentemente, diciamo da quando è iniziata l’industrializzazione.

Parleremo del riscaldamento globale, che da alcuni decenni si sta verificando con un ritmo sempre crescente. Della “tropicalizzazione” e dell’effetto serra, generato sia dalle attività umane, sia dai fenomeni naturali, come le eruzioni vulcaniche. Daremo un cenno di uno strano risvolto che potrebbe essere causato dallo scioglimento dei ghiacci polari: quello di fermare la “Corrente del Golfo" con conseguente raffreddamento delle coste europee e infine, dei “cicloni” che, sempre più frequentemente, si affacciano sul Mediterraneo.

Analizzeremo gli elementi che caratterizzano il clima: la temperatura, primo parametro di effetto diretto sugli esseri viventi, le piogge sia come quantità che come distribuzione nei periodi dell’anno e poi il vento, di cui daremo solo un cenno. Capiremo perché alcune regioni sulla terra sono dette anecumeniche, ovvero dove le condizioni di vita sono ritenute impossibili. Eppure alcune persone ci vivono perché sono degli scienziati della missione Antartide, perché si sono arruolati nella Legione Straniera o ... perché ce li hanno mandati in un gulag.

Vedremo la distribuzione dei climi sulla terra e la Classificazione climatica di Köppen, che ne fornisce una panoramica completa. Parleremo quindi del clima focalizzando il rapporto con l’uomo e le condizioni favorevoli ad una vita sana e confortevole. Capiremo come i parametri climatici influiscono, con agi e disagi, sul nostro modo di vivere. L’influenza delle metropoli, l’azione degli edifici sull’assorbimento dei raggi solari e il modo in cui sono riusciti a condizionare la vita dell’uomo.
Concluderemo con le azioni che possiamo svolgere per migliorare la salubrità del nostro ambiente, dalle più semplici a quelle che sono più difficili da realizzare, perché comporterebbero delle gravi ripercussioni sul tenore di vita che ormai abbiamo acquisito e al quale è difficile rinunciare.    

Nessun commento:

Posta un commento